Fides Catholica Buon Pastore

Via dell'Immacolata, 4
83040 Frigento (AV), Italia
Telefono e Fax 0825 444415

Email: info.fidescatholica@gmail.com

cm.editrice@gmail.com

rivista.fidescatholica@gmail.com

Direttore responsabile: Prof. Corrado Gnerre

Direttore editoriale: Mons. Antonio Livi

Vice-direttore editoriale: P. Serafino M. Lanzetta

© COPYRIGHT: Le immagini presenti sul nostro sito sono prese per la maggior parte da Internet e perciò considerate di pubblico dominio. Se gli aventi diritto avessero qualcosa in contrario, non avranno che da segnalarlo alla redazione così da provvedere alla loro rimozione.

© 2019 Festum Sanctissimi Corporis Christi by Fides Catholica. Tutti i diritti sono riservati.

La tradizione del Diritto comune

di Andrea Sandri    Anno XIII. 2-2018         sez. Commentaria      p. 405-414

1. Il Diritto comune

Secondo una definizione generalissima, ma non priva di verità anche se fatta oggetto di alcune critiche (Paolo Grossi (1)), il Diritto comune è il Diritto romano applicato in epoca medioevale.

 

Questa definizione, che risale almeno a Friedrich Carl von Savigny, che distingueva dall’uso antico un uso medievale e un uso moderno del Diritto romano, è per lo più riferita alla riscoperta del Corpus iuris civilis (2) di Giustiniano (529-534) a partire dal sec. XII in Italia. In questo studio l’utilizzeremo in termini ancora più comprensivi includendovi anche l’epoca che precede la costituzione dell’Impero Romano Germanico cui si lega anche la ripresa del Diritto romano (comune).

 

Se dunque l’utilizzo medioevale del Diritto romano è fatto risalire a un’epoca che si limita con il disfacimento dell’Impero Romano d’Occidente (476: deposizione di Romolo Augusto), si potrà affermare una tradizione del Diritto (romano) comune che, qualora sia considerata sotto il mero aspetto formale della trasmissione dei principali istituti, giunge fino ai nostri giorni attraverso le codificazioni moderne e le più dirette adozioni del Diritto romano in alcuni spazi politici (Catalogna, il Sud Africa tramite la recezione umanistica olandese del Diritto romano) (3).

 

Se inoltre, per quanto riguarda l’“uso medievale”, si segue, per sommi capi la ripartizione dello storico del Diritto Adriano Cavanna (4) – includendo però nel tempo del Diritto comune (romano) anche l’Alto Medioevo –, si possono individuare fondamentalmente tre epoche:

 

I) epoca feudale;

II) epoca del rapporto tra impero e comunità politiche (secc. XII-XIII);

III) epoca dei rapporti tra comunità e impero (secc. XIV-XV) sfociante nell’età moderna.

 

In ognuna di queste epoche il Diritto comune, concepito nella sua vocazione imperiale, epperò universale, entra in un particolare rapporto con le comunità territoriali particolari stabilendo, di volta in volta, diversi equilibri e differenti polarizzazioni dalle quali emerge col passare del tempo la volontà legislatrice dello Stato moderno e la sostanziale rottura della tradizione.

vedi tutti gli articoli di questo periodico qui