Esortazione o Rivoluzione 

Tutti i problemi di Amoris lætitia

di Autori vari   Anno XIV.  2-2019       sez. Recensiones       p. 259-261

STEFANO FONTANA, Esortazione o Rivoluzione. Tutti i problemi di Amoris lætitia, Fede&Cultura, Verona 2019, 126pp.

Fontana si è cimentato, da un po’ a questa parte, in una critica teologica molto seria e ad un tempo divulgativa, accessibile a tutti, con diversi saggi pubblicati per l’editrice Fede&Cultura. Tra questi vi è un interessante studio sull’Esortazione post-sinodale di papa Francesco Amoris lætitia (AL), volto a mettere a nudo un fatto straordinario che Fontana definisce giustamente rivoluzionario: il Magistero pontificio, se di Magistero è ancora lecito parlare, con AL entra in una fase di non ritorno, inaugura la stagione tanto agognata dagli spiriti del Vaticano II, quella della sinodalità permanente o della «conversione pastorale» come processo, in cui la Chiesa si fa dal basso, in ragione dalle istanze del momento. 


Fontana si chiede se AL sarà l’ultima Esortazione Apostolica post-sinodale (cf p. 105), non certo nel senso che non ci siano altri documenti e altri sinodi. Nel frattempo, infatti, si è avuto il sinodo sui giovani e poi quello così stravagante e palesemente in contrasto con la fede sull’Amazzonia. Nel senso invece di un ritorno al Magistero così come lo abbiamo conosciuto fino a Benedetto XVI. 


Se Gianni Baget Bozzo aveva detto che dopo il Vaticano II è difficile anche solo pensare alla convocazione di un Concilio dogmatico e dottrinale, come normalmente accadeva, allo stesso modo, si chiede Fontana, dopo AL, «sarà impossibile anche solo pensare a un’Esortazione apostolica post-sinodale che precisi la dottrina e la pastorale, dando risposte e non aprendo percorsi?» (p. 104). 


Il metodo diventa prassi e la prassi è la nuova dottrina. Con AL «il come è diventato il cosa. Il contenuto sarà precisato dalla prassi. AL vuole aprire processi perché essa stessa è nata da un processo, quello innestato con la relazione Kasper e proseguito nel doppio sinodo sulla famiglia, ed è in se stessa un processo» (p. 106).


Il contributo importante che Fontana offre alla riflessione teologica post-Amoris va visto nelle precisazioni che egli offre circa l’equivoca ricezione di AL, che stranamente trova concordi sia i fautori di un’interpretazione di continuità di questo documento rispetto a Familiaris consortio e Veritatis splendor, sia i fautori della rottura e dell’inizio di un nuovo paradigma morale. La concordanza sarebbe offerta dalla visione prettamente pastorale di AL. Ma l’equivoco, giustamente, è proprio sulla pastoralità, la quale non è più da leggersi in modo tradizionale come applicazione pratica di una dottrina o di un principio di fede, ma è piuttosto il criterio che fonda la dottrina, dichiarando ad esempio superata quella immobile e fissista di Giovanni Paolo II in materia.

vedi tutti gli articoli di questo periodico qui

Fides Catholica Buon Pastore

Via dell'Immacolata, 4
83040 Frigento (AV), Italia
Telefono e Fax 0825 444415

Email: info.fidescatholica@gmail.com

cm.editrice@gmail.com

rivista.fidescatholica@gmail.com

Direttore responsabile: Prof. Corrado Gnerre

Direttore editoriale: Mons. Antonio Livi

Vice-direttore editoriale: P. Serafino M. Lanzetta

© COPYRIGHT: Le immagini presenti sul nostro sito sono prese per la maggior parte da Internet e perciò considerate di pubblico dominio. Se gli aventi diritto avessero qualcosa in contrario, non avranno che da segnalarlo alla redazione così da provvedere alla loro rimozione.

© 2019 Festum Sanctissimi Corporis Christi by Fides Catholica. Tutti i diritti sono riservati.