Fides Catholica Buon Pastore

Via dell'Immacolata, 4
83040 Frigento (AV), Italia
Telefono e Fax 0825 444415

Email: info.fidescatholica@gmail.com

cm.editrice@gmail.com

rivista.fidescatholica@gmail.com

Direttore responsabile: Prof. Corrado Gnerre

Direttore editoriale: Mons. Antonio Livi

Vice-direttore editoriale: P. Serafino M. Lanzetta

© COPYRIGHT: Le immagini presenti sul nostro sito sono prese per la maggior parte da Internet e perciò considerate di pubblico dominio. Se gli aventi diritto avessero qualcosa in contrario, non avranno che da segnalarlo alla redazione così da provvedere alla loro rimozione.

© 2019 Festum Sanctissimi Corporis Christi by Fides Catholica. Tutti i diritti sono riservati.

Il ritorno del Nominalismo

di Padre Serafino Lanzetta   Anno XIV. 1-2019       sez. Editoriale        p. 5-16

Viviamo in una Chiesa dominata dal “secondo me”. Il sinodo sull’Amazzonia recentemente tenutosi a Roma dal 6-27 ottobre 2019 e più ampiamente la «conversione sinodale» voluta da Francesco sono diventati catalizzatori del soggettivismo dogmatico. Prova di ciò è il documento finale dell’ultimo Sinodo, in cui dopo aver sottolineato l’importanza di una conversione sinodale per tutta la Chiesa secondo lo stile amazzonico, si arriva però a proporre dottrine nuove contro la dottrina della fede e il suo sviluppo costante. «Per camminare uniti la Chiesa ha bisogno di una conversione pastorale, sinodalità del Popolo di Dio sotto la guida dello Spirito in Amazzonia», recita il documento finale del Sinodo amazzonico (n. 86), secondo la versione italiana ufficiosa offerta dall’Osservatore Romano, ma conforme all’originale spagnolo. La Chiesa intera avrebbe bisogno di una conversione sinodale per camminare uniti sotto la guida dello Spirito in Amazzonia. Qui si sta dicendo, con un lieve gioco di parole, che la Chiesa necessita una conversione amazzonica. Deve avere un volto amazzonico per una ragione molto pratica, cioè per istituire dei ministeri amazzonici, come attestano sistematicamente i tre documenti sinodali: quello preparatorio (cf. nn. 12 e 14), l’Instrumentum laboris (nn. 107 e 116) e quello finale (cf. nn. 86; 92 e ss.). Una conversione alla quale non si giunge pienamente senza aver prima invocato una «conversione sinodale» come tale, al fine di incoraggiare addirittura una «conversione del papato» secondo la richiesta di Evangelii gaudium (n. 32). 

[1]Queste riflessioni di Benedetto XVI, concepite in vista dell’incontro vaticano sugli abusi sui minori e sulle persone vulnerabili, tenutosi dal 21 al 24 febbraio 2019, prima di essere pubblicate dal mensile tedesco Klerusblatt, furono lanciate in esclusiva per l’Italia dal Corriere della Sera, l’11 aprile 2019. Lo stesso Corriere nel cappelletto introduttivo definisce lo scritto «un’analisi approfondita e impietosa su come è nato e si è diffuso questo crimine anche nel mondo ecclesiastico». Citando l’autore di questi appunti con il titolo “Benedetto XVI” intendiamo unicamente attribuire la paternità allo scritto, senza indulgere in teorie pullulanti che vorrebbero Benedetto XVI ancora papa. Né tantomeno ci sembra corretto a livello teologico e canonistico definire Benedetto XVI “papa emerito”. Questo però è oggetto di un’altra discussione. 

 

[2]Cf S. M. Lanzetta, Il Vaticano II, un Concilio pastorale. Ermeneutica delle dottrine conciliari, Cantagalli, Siena 2014,pp. 238-240.

 

[3]Cf Idem., La Tradizione come regola della fede, in Fides Catholica XIII (2/2018) 380-381.

 

[4]K.-W. Merks, Steccati pieni di buchi? Sulla validità generale delle norme morali, in S. Goertz- C. Witting, Amoris lætitia. Un punto di svolta per la teologia morale, San Paolo, Cinisello Balsamo 2017, pp. 136-137.

 

[5]B. Häring, Free and Faithful in Christ. Moral Theology for Priests and Laity, vol. I (General Moral Theology), St. Paul Publication, Middlegreen1978, p. 339. Si tratta di un’opera in cui Häring tenta di nuovo di offrire una visione comprensiva della morale cattolica, dopo la sua prima opera in tre volumi Das Gesetz Christi. Moraltheologie für Priester und Laien, Eric Wewel Verlag, Freiburg 1954(trad. it.: La legge di Cristo, 3 voll., Morcelliana, Brescia 1967-1968). 

 

[6]B. Häring, Free and Faithful in Christ. Moral Theology for Priests and Laity, pp. 345-346.

 

[7]Una corresponsabilità a tutti i livelli della Chiesa perché idea centrale del Vaticano II: cf. L. J. Suenens, Corresponsabilità nella Chiesa d’oggi, Edizioni Paoline, Roma 1968 (orig. fr.: Co-responsabilité dans l’église d’aujourd’hui, Desclée De Brouwer, Bruges 1968).

 

[8]K.-W. Merks, Steccati pieni di buchi?, p. 144.

 

[9]F. Böckle, Fundamentalmoral, München 1977, p. 291, cit. in K.-W. Merks, Steccati pieni di buchi?, p. 159.

 

[10]J. W. O’Malley, The Style of Vatican II, in America188 (6/2003) 12-15.

vedi tutti gli articoli di questo periodico qui